Nuovo mammografo a Macerata e inaugurato Caldarola centro prelievi e guardia medica Il presidente della Regione all’ospedale di Macerata ha inaugurato il mammografo digitale e a Caldarola ha tagliato il nastro ai nuovi locali che ospiteranno la guardia medica e il centro prelievi

Ceriscioli: “Una grande rete sanitaria dove tutti quanti concorrono a mettere a disposizione le migliori tecnologie”.

mammografia
Foto di “Ecomedica-Empoli”

MACERATA – “Sono qui per ringraziare chi ha donato questa strumentazione a servizio delle donne marchigiane che vivono un percorso complicato. Si cerca di offrire il massimo attraverso la realizzazione di un breast unit, realtà multidisciplinare fatta di una equipe, indicata come la soluzione più efficace per curare la neoplasia femminile. Un fatto molto importante che ci permette ancora una volta di visualizzare il sistema sanitario regionale come una grande rete, dove tutti quanti concorrono mettendo a disposizione le migliori tecnologie a chi ne ha bisogno”.
Così il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, insieme al direttore dell’Area vasta 3 Alessandro Maccioni, ha inaugurato all’ospedale di Macerata l’analizzatore di biologia molecolare, il mammografo digitale con tomosintesi e il tavolo stereotassico, mentre a Caldarola ha tagliato il nastro ai nuovi locali che ospiteranno la guardia medica.
“Oggi – ha proseguito il presidente – abbiamo restituito alla comunità di Caldarola il centro prelievi e la guardia medica. Questa comunità sta riconquistando un pezzo alla volta la normalità dopo l’eccezionalità dell’evento sismico. Dopo la scuola inaugurata un mese fa si aggiunge un altro tassello importante per tornare come si era prima”.
Tornando a Macerata durante la conferenza stampa  i medici hanno spiegato che l’analizzatore di biologia molecolare è un’apparecchiatura molto utile per le donne operate di tumore alla mammella. Si tratta di una piattaforma di analisi per l’esecuzione di test in grado di identificare quelle donne che potrebbero evitare la chemioterapia. Sono pochissime le strutture oncologiche italiane dotate di tale tecnologia e questa è la prima nelle Marche. Il nuovo mammografo digitale con Tomosintesi, invece, rappresenta l’ultima generazione di mammografi nel settore. E’ dotato di un sistema per l’esecuzione delle biopsie che va ad aggiungersi a quello già esistente presso il reparto di radiologia. Altra apparecchiatura specificatamente dedicata alla biopsia mammaria in posizione prona è il tavolo stereotassico in grado di eseguire la procedura con una localizzazione particolarmente precisa della lesione ed una estrema accuratezza nel posizionamento dell’ago. Il sistema è digitale e di nuovissima generazione, rappresenta un significativo sviluppo tecnologico all’avanguardia nel campo della biopsia mammaria.
Soddisfatto il sindaco di Caldarola Luca Maria Giuseppetti “per la struttura bella e dignitosa al servizio della comunità” composta di ampi locali confortevoli in grado di essere un primo presidio sanitario.

FONTE: Antonio Filippini Regione Marche